POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 21 ottobre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

previdenza forense | 20 Settembre 2012

X Conferenza di Cassa Forense ... tra aperitivo, cena di gala e spettacolo musicale

di Paolo Rosa - Avvocato

  Venerdì 21 settembre 2012 alle ore 9.30 si aprirà all’Auditorium della Conciliazione in Roma la X Conferenza della Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza Forense.

 

I temi delle tre sessioni sono incentrati su:
- Autonomia: valore aggiunto per programmare il cambiamento;
- Patrimonio: sicurezza nel futuro;
- Welfare: la sfida della solidarietà.
Alla fine della prima giornata è previsto il trasferimento in pullman a Villa Aurelia al Gianicolo per l’aperitivo e cena di gala e a seguire lo spettacolo musicale di Rita Forte.
Mancano del tutto all’attenzione della X Conferenza i temi di più stretta attualità. Che sono:
- Circa 50mila avvocati iscritti all’Ordine e a Cassa Forense in difficoltà economica al punto da non riuscire a versare la contribuzione minima che è stata, opportunamente, aumentata con il recente restyling del 05.09.2012 da € 2.400,00 ad € 2.700,00;
- Circa 60mila avvocati, prevalentemente del Sud d’Italia, iscritti all’Ordine ma non iscritti in Cassa Forense e solo in pochissimi alla Gestione separata presso l’INPS e quindi del tutto privi di previdenza e assistenza;
- Il problema della contribuzione minima obbligatoria;
- Il problema dei limiti reddituali utilizzati agli effetti della prova della continuità professionale.
- La flessione in picchiata dei redditi e del volume di affari della avvocatura italiana a seguito della abolizione delle tariffe e dei nuovi parametri al ribasso che inevitabilmente comporterà un minor gettito contributivo per cassa forense il che renderà obsoleto anche l’ultimo bilancio tecnico allegato a supporto del restyling operato il 5 settembre scorso.
Voglio sperare che almeno l’aperitivo e la cena di gala siano riservati a questi temi perché aprendo il sito di Rita Forte si trova scritto: «Proprio come i sogni prendono vita quando meno te lo aspetti, così accade per le risposte ai dubbi che non riesci a risolvere. Lascia che il tuo istinto tracci la rotta per la saggezza e fa che le tue paure siano sconfitte dalla speranza».
Le ultimissime novità. Il 19 settembre si è tenuto il previsto incontro tra le Casse di previdenza e il Ministero del Lavoro. Incontro breve di un 'ora e poco più.
La prof. Fornero ha ribadito che per lei il termine del 30 settembre è perentorio e che le riforme saranno valutate in modo severo dagli uffici e che devono rappresentare un disegno previdenziale di oggettiva sostenibilità finanziaria nel lungo periodo.
Ha apprezzato la presenza di tutte le casse ed il lavoro già svolto da qualcuno e le notizie su quello in corso da parte di altre casse.
Ha ribadito che il suo pensiero sui sistemi previdenziali è cosi strutturato:
trasparenza nei conteggi, uniformità di trattamento, contemperazione delle misure solidaristiche ed equivalenza attuariale (ognuno si deve pagare la propria pensione con i suoi contributi).
Qualcuno è intervenuto sul tema spending review chiedendo sostegno ma ha fatto capire che non c'è spazio, pur comprendendo le ragioni, e che la questione è di competenza dell'economia e non del lavoro.
Ha incoraggiato ancora una volta le unioni fra le casse per contemperare i rischi demografici dicendo che le professioni non sono eterne.