POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 14 ottobre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

previdenza forense | 21 Giugno 2012

Cassa Forense e il mancato adeguamento al contributivo: nominata una commissione previdenza

di Paolo Rosa - Avvocato

  Cassa Forense non intende esercitare l’opzione al sistema di calcolo contributivo della pensione di cui alla legge n. 335/1995, ma intende resistere nel generoso sistema di calcolo retributivo della pensione, che ha sin qui generato un debito previdenziale non inferiore a 25 miliardi di euro, posto che, mediamente, la pensione retributiva oggi liquidata viene finanziata solo per il 50% dalla contribuzione versata. Inoltre, Cassa Forense ha nominato una commissione previdenza, senza dotarla di adeguati strumenti tecnici, cosicché la stessa porterà all’esame del Comitato dei Delegati del 29 giugno prossimo le proprie proposte. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.

  La norma così recita: «In considerazione dell'esigenza di assicurare l'equilibrio finanziario delle rispettive gestioni in conformità alle disposizioni di cui al decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509, e al...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.