POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 17 ottobre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

previdenza forense | 08 Giugno 2012

Quali i vantaggi del sistema di calcolo contributivo della pensione?

di Paolo Rosa - Avvocato

  Nel sistema contributivo, il calcolo della pensione si basa sui contributi effettivamente versati dal lavoratore (e dal datore di lavoro) durante tutta la vita lavorativa. Ciò significa che alla fine di ogni anno per ciascun lavoratore sarà costituito un montante contributivo individuale. La somma di questi accantonamenti annuali darà il montante, che, ovviamente, crescerà con il prolungarsi della vita lavorativa. Per salvaguardare il valore del montante stesso all’andamento dei prezzi e quindi alla ricchezza prodotta dal Paese, è prevista la rivalutazione annua del montante stesso in base alla variazione del PIL (Prodotto Interno Lordo) negli ultimi cinque anni.

  Alla fine della vita lavorativa, la pensione sarà data dal montante moltiplicato per un coefficiente di trasformazione che è progressivamente più favorevole man mano che aumenta l’età del pensionamento. Nel...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.