POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 19 ottobre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

previdenza forense | 10 Maggio 2012

Finalmente l’Avvocatura italiana prende cognizione dei problemi previdenziali

di Paolo Rosa - Avvocato

  La legge ‘Salva Italia’ ha portato tutti i lavoratori italiani al metodo contributivo pro rata a far tempo dal 1° gennaio 2012. Il Governo prima e il legislatore dopo per le Casse, che sono autonome, ha chiesto il saldo previdenziale attivo per 50 anni pena il passaggio ex lege al contributivo. I 50 anni di sostenibilità rappresentano il percorso minimo che si possa chiedere posto che oggi la durata della vita lavorativa si avvicina ai 40 anni e al momento del pensionamento vi è una speranza di vita superiore ai 20 anni. 40 + 20 da 60. Il legislatore italiano si è accontentato di una previsione su di un arco temporale di 50 anni. Negli USA la previsione arriva agli 80 anni.

  Dal 10 al 13 maggio 2012 si terrà in Alghero il VI Congresso Nazionale dell’ANF. Il tema del Congresso è di estrema attualità: «L’avvocato tra libertà e liberalizzazioni. Oggi è già...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.