POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 18 settembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

CORTE DEI DIRITTI | 30 Ottobre 2003

La libertà di espressione dell'avvocato deve avere «maglie larghe»

Inopportune, secondo Strasburgo, le bacchettate dell'Ordine olandese per alcune accuse (non provate) proferite difendendo un assistito

(Corte europea dei Diritti dell'uomo, sentenza sul ricorso n. 39657/98; pubblicata il 28 ottobre 2003)

L'avvocato Steur, cittadino olandese, difendeva una persona accusata di aver percepito con l'inganno degli emolumenti legati al sistema di protezione sociale in vigore nel paese. Due procedimenti, uno civile ed uno penale, erano stati avviati in seguito...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.