POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 22 aprile 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FINANZA e TRIBUTI

agevolazioni fiscali | 12 Febbraio 2021

Lavoratori autonomi: cumulabilità dell'indennità di € 600 con il contributo a fondo perduto

di La Redazione

Non sussiste divieto di cumulo tra l'indennità di € 600 prevista dal Decreto cura Italia per i titolari di partita IVA e il contributo a fondo perduto introdotto dal decreto Ristori (Risposta Agenzia delle Entrate dell’11 febbraio 2021, n. 104).  

Il contributo a fondo perduto previsto dal Decreto Ristori a favore degli operatori dei settori economici interessati dalle misure restrittive introdotte per fronteggiare la pandemia (art. 1 DL 137/2020 conv. in L. 176/2020) è cumulabile con l'indennità di € 600 prevista dal Decreto Cura Italia per il mese di marzo 2020 (art. 27 DL 18/2020 conv. in L. 27/2020).

Nel caso di specie l'istante, beneficiario dell'indennità prevista per i liberi professionisti titolari di partita IVA, interroga l'Agenzia rispetto alla possibilità di fruire anche del contributo a fondo perduto.

 

L'AE specifica che il contributo a fondo perduto costituisce un ulteriore beneficio di natura monetaria, introdotto in ragione del perdurare della situazione di difficoltà in favore dei soggetti più colpiti dall'emergenza Covid-19, spettante al ricorrere dei nuovi requisiti previsti (art. 1, c. 10, DL 137/2020 conv. in L. 176/2020).

 

La norma fa espresso rinvio all'applicazione, in quanto compatibili, delle sole disposizioni del DL Rilancio, in cui non è richiamato alcun divieto di cumulo (art. 25 DL 34/2020 conv. in L. 77/2020).

 

In conclusione, quindi, ritiene che l'istante, se in possesso dei requisiti richiesti, può beneficare del contributo a fondo perduto.

 

(Fonte: mementopiu.it)

 



Qui la risposta Agenzia delle Entrate dell’11 febbraio 2021, n. 104