POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 06 aprile 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FINANZA e TRIBUTI

studi di settore  | 27 Febbraio 2020

Studi di settore, accertamento nullo in presenza di crisi

di La Redazione

In ipotesi di scostamento dagli studi di settore, deve essere esaminato il contesto della situazione economica della società contribuente in relazione alle condizioni di mercato (Cass. 24 febbraio 2020 n. 4774).  

(Corte di Cassazione, sez. VI Civile - T, ordinanza n. 4774/20; depositata il 24 febbraio)

L'accertamento con gli studi di settore è nullo anche se lo scostamento dagli standard è superiore al 20%, purché sia verificata la presenza di una forte crisi.

 

La decisione. La Corte di Cassazione ha respinto il ricorso dell'Agenzia delle Entrate: secondo la Sesta Sezione Civile la procedura di accertamento tributario standardizzata mediante l'applicazione di parametri o degli studi di settore costituisce un sistema di presunzioni semplici, la cui gravità, precisione e concordanza non è ex lege determinata dallo scostamento del reddito dichiarato rispetto agli standard in sé considerati ma nasce solo in esito al contraddittorio da attivare obbligatoriamente, pena la nullità dell'accertamento, con il contribuente. In tale sede, il contribuente ha l'onere di provare, senza limitazione alcuna di mezzi e contenuto, la sussistenza di condizioni che giustificano l'esclusione dell'impresa dall'area dei soggetti cui possono essere applicati gli standard o la specifica realtà dell'attività economica nel periodo di tempo in esame, mentre la motivazione dell'atto di accertamento non può esaurirsi nel rilievo dello scostamento, ma deve essere integrata con la dimostrazione dell'applicabilità in concreto dello standard prescelto e con le ragioni per le quali sono state disattese le contestazioni sollevate dal contribuente.
Del tutto corretta è dunque apparsa la decisione della CTR che si era ritenuta non vincolata dal mero dato numerico ma che aveva esaminato il contesto della situazione economica della società contribuente in relazione alle condizioni di mercato ritenendo giustificato lo scostamento dagli studi di settore.

 

(Fonte: mementopiu.it)