POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 29 febbraio 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FINANZA e TRIBUTI

imposte indirette | 11 Febbraio 2020

Adempimenti IVA tra apertura e chiusura del fallimento a carico del curatore

di La Redazione

Tutti gli adempimenti IVA inerenti al periodo compreso fra l'apertura e la chiusura del fallimento sono a carico del curatore, inclusi gli obblighi di dichiarazione.  

Sono a carico del curatore tutti gli adempimenti IVA inerenti al periodo compreso fra l'apertura e la chiusura del fallimento; lo stesso dicasi per gli obblighi di dichiarazione (Risp. AE 7 febbraio 2020 n. 34).

L'Agenzia delle Entrate ha fornito un chiarimento ad un interpello in merito all'individuazione del soggetto legittimato agli adempimenti fiscali nell'ambito di un concordato fallimentare con assuntore.

Nel caso in esame, l'istante, in qualità di curatore fallimentare, era il solo soggetto legittimato a presentare la dichiarazione IVA finale con richiesta di rimborso del credito IVA da erogare all'assuntore, nonché a notificare alla competente Direzione provinciale dell'Agenzia delle entrate l'avvenuta cessione del credito all'assuntore.

In ordine alla possibilità di indicare quale destinatario del credito il terzo cessionario la normativa prevede una speciale disciplina della cessione del credito d'imposta rispetto a quella generale civilistica: si limita la cedibilità del credito d'imposta ai crediti chiesti a rimborso nella dichiarazione dei redditi. E questa disposizione si applica anche ai crediti IVA. La norma vieta al cessionario di cedere il credito oggetto della cessione, e, come tale, costituisce eccezione al principio della libera cedibilità dei crediti. Lo ratio è di evitare una eccessiva circolazione dei crediti tributari, la quale indurrebbe incertezza sul creditore del Fisco (Cass. 17 giugno 2016 n. 12552).

L'Agenzia delle Entrate ha infine evidenziato che la chiusura del fallimento ex art. 130 L. Fall., per intervenuta definitività del decreto di omologazione del concordato fallimentare con assuntore, non pregiudica la legittimazione del curatore fallimentare ad eseguire i connessi adempimenti fiscali, finalizzati anche all'acquisizione di eventuali crediti d'imposta emergenti dalle dichiarazioni fiscali.

 

(Fonte: mementopiù.it)

 

 



Qui la risposta dell’Agenzia delle Entrate del 7 febbraio 2020, n. 34