POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 30 marzo 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FINANZA e TRIBUTI

agevolazioni fiscali | 13 Dicembre 2019

"Dopo di noi", benefici solo dopo il riconoscimento della disabilità grave

di La Redazione

L'atto di dotazione contestuale alla costituzione del Trust non può usufruire delle agevolazioni qualora al beneficiario non sia ancora stato riconosciuto uno stato di disabilità grave (risposta dell’Agenzia delle Entrate 11 dicembre 2019 n. 513).    

Le agevolazioni previste dalla legge “Dopo di noi” (l. n. 112/2016), non sono riconosciute a favore dell'atto di dotazione contestuale alla costituzione del Trust se al beneficiario non sia ancora stato riconosciuto uno stato di disabilità grave. Ottenuto il riconoscimento dello stato di disabilità grave, e ove la certificazione stessa attesti che lo stato di disabilità grave sussisteva alla data di istituzione del Trust, potrà essere chiesto il rimborso dell'importo pari alla differenza tra l'imposta pagata al momento della dotazione iniziale di beni del Trust e l'imposta prevista per i conferimenti ed i trasferimenti di beni in favore del Trust (art. 6, commi 1 e 6, l. n. 112/2016).
Il chiarimento è contenuto nella risposta dell’Agenzia delle Entrate 11 dicembre 2019 n. 513. Secondo le indicazioni fornite dall'amministrazione finanziaria, ottenuta la certificazione che attesti lo stato di disabilità grave (art. 3, comma 3, l. n. 104/92), gli atti successivi a tale certificazione che conferiscano beni e diritti nel Trust, (art. 6, comma 1, l. n. 112/2016) ovvero atti che trasferiscano beni e diritti in favore del Trust (art. 6, comma 6, l. n. 112/2016), potranno beneficiare delle agevolazioni ivi previste.

(Fonte: mementopiu.it)

 



Qui la risposta dell’Agenzia delle Entrate dell’11 dicembre 2019, n. 513