POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 20 ottobre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FINANZA e TRIBUTI

contenzioso tributario | 17 Settembre 2019

Commercialisti: le associazioni nazionali proclamano lo sciopero

di La Redazione

Indetta, nei giorni 30 settembre e 1° ottobre 2019, l'astensione dall'attività lavorativa di trasmissione telematica, come intermediari, dei modelli di pagamento F24. Sospesa, per una settimana, anche la partecipazione a udienze presso CTP e CTR.

Nei giorni 30 settembre e 1° ottobre 2019, le associazioni nazionali dei commercialisti ADC, AIDC, ANC, ANDOC, FIDDOC, SIC, UNAGRACO, UNGDCEC, UNICO hanno proclamato l’astensione degli iscritti all’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili dalle attività riguardanti la trasmissione telematica, quali intermediari, dei modelli di pagamento F24.
Inoltre, nei giorni compresi dal 30 settembre al 7 ottobre 2019, verrà sospesa anche la partecipazione ad udienze presso le Commissioni Tributarie Provinciali e Regionali.
Nel ribadire la necessaria disapplicazione ISA per il 2018 o, in subordine, la loro applicazione facoltativa, i commercialisti rivendicano il rispetto dello Statuto del Contribuente, i cui principi continuano ad essere violati in spregio ai diritti dei cittadini.
Si richiede, altresì, una sistematica e formale consultazione della categoria e delle associazioni che la rappresentano nella formulazione di norme e procedure riguardanti le materie di competenza delle stesse.
La scelta di astenersi dalle attività si è resa, quindi, indispensabile per dare un segnale tangibile dell’insostenibilità della situazione, non solo per i professionisti che li assistono, ma, soprattutto, per gli operatori economici e per sottolineare l'urgenza di una effettiva semplificazione fiscale, che si traduca anche in una vera riduzione degli adempimenti tributari.

(Fonte: fiscopiu.it)