POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 18 settembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FINANZA e TRIBUTI

imposte indirette | 23 Agosto 2019

Il fornitore truffato può recuperare l’IVA

di La Redazione

L’Agenzia delle Entrate conferma la possibilità di recuperare l’IVA versata all’Erario; la richiesta va avanzata sulla base di elementi oggettivi, controllabili dall’Amministrazione finanziaria.  

Qualora il fornitore venga truffato da un finto acquirente può recuperare l’IVA versata all’Erario, ammesso che non siano già trascorsi i termini per presentare la richiesta di rimborso o per contabilizzare la nota di variazione in diminuzione (risp. interpello AE 7 agosto 2019 n. 331).
L’Agenzia delle Entrate ha risposto all’interpello di una società che riferiva di essere stata vittima di una truffa, operata da un cliente che predisponeva ordini di acquisto, contattava i trasportatori e dirottava la merce in luoghi a sua disposizione per poi venderla in nero a terzi. Tale merce veniva, nel frattempo, regolarmente fatturata dalla società istante, che solo in seguito si era resa conto dell’inesistenza dei relativi crediti perché disconosciuti dagli ignari clienti.
Pur mancando i requisiti per l’assoggettamento ad IVA dell’operazione, quest’ultima era stata fatturata dalla società in regime di imponibilità e l’imposta era stata versata dall’istante senza esercitare in concreto la rivalsa. Per recuperare detta imposta, nelle ipotesi di furto o truffa, sussiste la possibilità di emettere note di variazione, ovviamente nel presupposto che, alla luce di elementi oggettivi, al momento dell’emissione delle fatture attive, il contribuente non sapeva e non poteva ragionevolmente sapere che si trattasse di un furto o di una truffa. Tale condizione, spiegano le Entrate, va accertata sulla base di elementi oggettivi, sui quali rimane fermo ogni potere di controllo dell’Amministrazione finanziaria.

(Fonte: fiscopiu.it)

 

 



Qui la risposta all’interpello dell’Agenzia delle Entrate del 7 agosto 2019, n. 331