POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 22 settembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FINANZA e TRIBUTI

tasse e tributi | 12 Luglio 2019

Regime forfettario: accordo transattivo e note di variazione

di La Redazione

È possibile emettere la nota di credito senza versare l’IVA come avvenuto per la fattura emessa originariamente.  

La nota di variazione in diminuzione emessa dal contribuente in regime forfettario a seguito di un accordo transattivo che ha ridotto il compenso spettante, può essere emessa senza versare l’IVA come avvenuto per la fattura emessa originariamente (risp. AE 11 luglio 2019 n. 227).
La fattispecie dell’accordo transattivo rientra nella categoria degli eventi “simili” alle cause “di nullità, annullamento, revoca, risoluzione, rescissione”, al ricorrere dei quali il cedente del bene o prestatore del servizio ha diritto di portare in detrazione l'imposta corrispondente alla variazione (art. 26 comma 2 d.P.R. 633/1972) a condizione che la nota di variazione in diminuzione venga emessa entro un anno dal momento della effettuazione dell’operazione originaria (art. 26 comma 3 d.P.R.  633/1972).
La disciplina trova applicazione anche nella particolare ipotesi in cui la fattura originaria è stata emessa in regime forfetario e, dunque, senza versare l'IVA (art. 1, comma 59. l. n. 190/2014). A questo fine, l’operazione si considera effettuata alla data della fattura, emessa sulla base del regime forfettario; tale regime troverà applicazione anche in relazione alla connessa nota di variazione in diminuzione.

(Fonte: fiscopiu.it)

 



Qui la risposta ad interpello dell’Agenzia delle Entrate dell’11 luglio 2019, n. 227