POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 16 ottobre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FINANZA e TRIBUTI

imposte indirette | 04 Luglio 2019

Il tempo passa, le esenzioni no: per i divorzi resta esclusa l’imposta di registro

di La Redazione

L’esenzione dall’imposta di registro dei trasferimenti immobiliari concordati dai coniugi in sede di separazione consensuale è stata prevista dal legislatore allo scopo di agevolare la composizione bonaria della crisi matrimoniale. Ai fini dell’esenzione ciò che rileva è che il negozio sia stato stipulato per il fine transattivo e, senza alcuna prova dell’intento elusivo da parte dei coniugi, il differimento dell’esecuzione concreta del trasferimento concordato tempo prima non ha alcun conto.  

(Commissione Tributaria Regionale Liguria, sez. I, sentenza n. 437/19; depositata il 27 marzo)

Lo ha chiarito la Commissione tributaria regionale per la Liguria con sentenza n. 437/19, depositata il 27 marzo.   Il caso. Il contribuente proponeva ricorso avverso l’avviso di liquidazione emesso dall’Agenzia delle Entrate...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.