POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 16 luglio 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FINANZA e TRIBUTI

PTT - prassi | 01 Luglio 2019

Tributario telematico: modificati i fogli Avvertenze relativi ai ruoli dell’Agenzia delle Entrate

di La Redazione

L’Agenzia delle Entrate, a seguito dell’obbligatorietà del processo tributario telematico a partire dal 1° luglio, ha modificato i fogli Avvertenze della cartella di pagamento ai sensi dell’art. 25 del d.P.R. n. 602/1973.  

Modificati i fogli Avvertenze. L’Agenzia delle Entrate, con il provvedimento n. 225849 del 28 giugno 2019, comunica di aver disposto la modifica dei fogli Avvertenze relativi ai ruoli, di cui agli allegati 2, 3, 4 e 5 del Provvedimento del Direttore dell’Agenzia del 22 dicembre 2017.
Il testo delle sopracitate Avvertenze viene aggiornato alla luce delle modifiche intervenute in materia di digitalizzazione del processo tributario (d.l. 23 ottobre 2018, n. 119, cov. con mod. in l. 17 dicembre 2018, n. 136).
Nello specifico, l’art. 16, comma 1, lett. a) del d.l. n. 119/2018 ha apportato modifiche all’art. 16-bis del d.lgs. n. 546/1992 in materia di comunicazioni, notificazioni e depositi degli atti giudiziari prevedendo l’utilizzo esclusivo della procedura telematica per depositare e notificare gli atti processuali.
La modalità telematica obbligatoria si applica ai giudizi instaurati, sia in primo che in secondo grado, con ricorso notificato a partire dal 1° luglio 2019.

(Fonte: ilprocessotelematico.it)

 



Qui il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate del 28 giugno 2019, n. 225849