POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 19 settembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FINANZA e TRIBUTI

contenzioso tributario | 26 Giugno 2019

Attestazioni sui dividendi ammessi pure in contenzioso alla luce dei doveri di lealtà e buona fede del Fisco

di Isabella Buscema - Esperto tributario

Le attestazioni sui dividendi percepiti, non prodotti in fase amministrativa, possono essere depositati in sede contenziosa. Tutto ciò perché i principi di collaborazione, lealtà e buona fede non riguardano solo il contribuente ma anche l'operato dell'ufficio, il quale se vuole contestare la produzione tardiva dei documenti, deve dimostrare di averli espressamente richiesti in fase amministrativa con l'avvertimento circa le conseguenze negative per il contribuente nell'ipotesi di mancata produzione degli stessi.  

(Corte di Cassazione, sez. V Civile, ordinanza n. 16725/19; depositata il 21 giugno)

Tale assunto è stato assunto dalla Corte Cassazione con ordinanza 16725 del 21 giugno 2019.   Il caso. Il Giudice del gravame ha ritenuto inutilizzabile la documentazione depositata dal contribuente in sede contenziosa, per contrastare...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.