POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 17 ottobre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FINANZA e TRIBUTI

società tra professionisti | 11 Giugno 2019

STP con voto non proporzionale alle partecipazioni

di La Redazione

Parere positivo del Consiglio Nazionale dei Commercialisti alla ipotesi in cui, rispettando i criteri di maggioranza per quote e per teste, siano riconosciuti statutariamente ai soci diritti di voto non proporzionali alle partecipazioni.  

Via libera all'iscrizione nella sezione speciale dell'Albo di una Società tra professionisti (STP) in cui, rispettando i criteri di maggioranza per quote e per teste, sono riconosciuti statutariamente ai soci diritti di voto non proporzionali alle partecipazioni. A confermarlo è il parere rilasciato dal CNDCEC in risposta a un quesito proveniente dall'Ordine di Caserta (P.O. 27 maggio 2019 n. 74).

 

Maggioranze STP pluripersonali. Si ricorda che in caso di STP pluripersonali i limiti da rispettare sono:
- la maggioranza di 2/3 dei soci professionisti, che deve ricorrere congiuntamente sia per teste che per quote societarie indipendentemente dalla forma societaria assunta dalla STP;
- le quote societarie (la partecipazione al capitale) dei professionisti devono essere tali da determinare la maggioranza dei 2/3 nelle deliberazioni o decisioni dei soci.  

 

Il caso concreto. Nella fattispecie presa in esame dal CNDCEC, ove le quote sono ripartite tra due soci professionisti (70%) e una srl società di investimento (30%), si intende prevedere un quorum deliberativo all'85%.

 

Il parere del Consiglio. Se ricorrono tutte le condizioni sopra elencate, vale a dire la condizione per cui ai soci professionisti è riconosciuta almeno la maggioranza dei due terzi nelle deliberazioni, per il Consiglio, alla luce degli orientamenti della dottrina maggioritaria, “sembrerebbe consentito riconoscere statutariamente ai soci diritti di voto non proporzionali alle partecipazioni”.

 

(Fonte: fiscopiu.it)

 



Qui il pronto ordine del CNDCEC del 27 maggio 2019, n. 74