POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 25 agosto 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FINANZA e TRIBUTI

contenzioso tributario | 29 Maggio 2019

Liti pendenti, nuove indicazioni

di La Redazione

Chiarite, con due Risposte pubblicate dall'Agenzia delle Entrate, le ipotesi di ricorso “per saltum” in Cassazione e della definizione di più controversie dello stesso gruppo societario.  

Con le risposte nn. 165 e 166 l'Agenzia delle Entrate ha chiarito i limiti di accesso alla definizione agevolata delle controversie pendenti (cd. Pace fiscale) in caso di ricorso “per saltum” in Cassazione e cause multiple riferibili allo stesso gruppo societario.

 

Ricorso “per saltum” e pace fiscale. In caso di ricorso “per saltum” dinanzi alla Corte di cassazione, ovvero quando dal primo grado di giudizio si passa direttamente al terzo, l'importo da pagare ai fini della definizione agevolata è calcolato sulla pronuncia di primo grado (40% in caso di soccombenza dell'Agenzia). Non può essere versato il solo 5% del valore della controversia, previsto in caso di controversie tributarie pendenti innanzi alla Corte di cassazione per le quali l’Agenzia delle entrate risulti soccombente “in tutti i precedenti gradi di giudizio”.  In caso di ricorso per saltum, infatti, manca il requisito della doppia soccombenza delle Entrate non essendoci stato, in via ordinaria, un doppio grado di merito del giudizio.

 

Pluralità di liti della fiscal unit. La società controllante può definire la lite in relazione alla maggiore IRES effettiva contestata alla fiscal unit, con l’effetto di determinare la cessazione della materia del contendere anche nella controversia instaurata dalla controllata sull’avviso di accertamento ad essa notificato. È consentita la definizione della lite anche alla consolidata, prendendo a riferimento l’IRES “teorica” sul maggior imponibile risultante nell’ambito dell’accertamento di primo livello.

(Fonte: fiscopiu.it)

 



Qui la risposta ad interpello dell’Agenzia delle Entrate del 28 maggio 2019, n. 165

Qui la risposta ad interpello dell’Agenzia delle Entrate del 28 maggio 2019, n. 166