POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 17 giugno 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FINANZA e TRIBUTI

tasse e tributi | 08 Gennaio 2019

Il risparmio fiscale del contribuente non sempre corrisponde all’abuso di diritto

di La Redazione

La Corte di Cassazione, con la sentenza 33221/2018, accoglie il ricorso presentato da un contribuente: la via meno onerosa non sempre corrisponde ad un abuso del diritto.  

(Corte di Cassazione, sez. Tributaria, sentenza n. 33221/18; depositata il 21 dicembre)

Se il contribuente sceglie una via meno onerosa dal punto di vista fiscale, non sempre incappa in una situazione di abuso del diritto. Lo specifica la Corte di Cassazione esaminando il caso di una donazione di un terreno edificabile effettuato da un uomo a sua moglie, con successiva vendita entro due mesi ad un terzo soggetto ad un prezzo pari a quello esposto nell’atto di donazione. Questi passaggi non motivavano, da soli, l’intento elusivo del marito secondo il parere espresso con la sentenza del 21 dicembre 2018 n. 33221.
La Cassazione ha osservato che «occupandosi delle vicende negoziali aventi ad oggetto cessioni di beni a titolo gratuito e di atti negoziali di trasferimento verso corrispettivo, questa Corte ha posto in evidenza che la disciplina antielusiva dell’interposizione […] non presuppone necessariamente un comportamento fraudolento da parte del contribuente». Errava dunque l’Ufficio delle Entrate, che aveva disposto il recupero della plusvalenza a carico del donante: il recupero dell’imposta è stato ritenuto illegittimo dal giudice, che ha ricordato come incomba sull’amministrazione finanziaria l’indicazione delle peculiarità che fanno ritenere l’operazione priva del reale contenuto economico diverso dal risparmio di imposta. Accogliendo il ricorso della parte contribuente, la corte ha evidenziato come il giudice di appello, in modo del tutto apodittico, aveva affermato che la donazione effettuata alla moglie aveva sicuramente costituito un risparmio fiscale e che il contribuente avrebbe potuto vendere il terreno ed entrare in possesso del corrispettivo che poteva poi cedere alla moglie in regalo. Deduzione, quest’ultima, che appariva viziata dal punto di vista motivazionale.

(Fonte: fiscopiu.it)