POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 24 marzo 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FINANZA e TRIBUTI

notificazioni | 03 Gennaio 2019

Liberalizzazione delle notifiche anche per gli avvisi di accertamento

di La Redazione

Rispondendo ad una richiesta di informazioni, il Ministero dello Sviluppo Economico ha ribadito l’applicabilità della delibera dell’AGCOM n. 77/18/CONS anche in tema di consegna di raccomandate relative ad avvisi di pagamento per omesso o tardivo pagamento di tributi da parte di operatori postali privati.  

La richiesta di informazioni pervenuta al MISE riguarda la consegna di raccomandate relative ad avvisi di accertamento per omesso o tardivo pagamento di tributi da parte di operatori postali privati. Sul tema, il Ministero conferma l’applicabilità della delibera AGCOM n. 77/18/CONS che prevede il regolamento per la concessione delle licenze a soggetti privati per il servizio di notificazione di atti giudiziari. In particolare, la delibera citata prevede espressamente la possibilità di notificazione postale diretta con raccomandata ordinaria sia per gli atti del procedimento amministrativo tributario che per gli atti del contenzioso tributario. Inoltre è previsto che la notificazione a mezzo posta dell’avviso di accertamento o liquidazione può essere effettuata dagli uffici finanziari in forma semplificata attraverso il servizio ordinario di raccomandata senza l’intermediazione dell’ufficiale giudiziario.

 



Qui la nota del MISE del 6 dicembre 2018