POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 20 novembre 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FINANZA e TRIBUTI

tasse e tributi | 06 Novembre 2018

Distinzione tra evasione, elusione ed abuso del diritto nell’ordinamento tributario

di Giovambattista Palumbo

Il contribuente che non versa le imposte dovute a seguito della stipulazione di un negozio, correttamente qualificato sotto il profilo giuridico da parte dell'Amministrazione finanziaria, non pone in essere un comportamento elusivo, volto a conseguire un vantaggio fiscale in ragione di un uso distorto della normativa tributaria, ma risponde della relativa evasione d'imposta, non trovando pertanto applicazione le disposizioni di legge e i principi in tema di abuso del diritto.  

(Corte di Cassazione, sez. Tributaria, sentenza n. 27550/18; depositata il 30 ottobre)

Il caso. La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 27550 del 30/10/2018, ha nuovamente chiarito i confini esatti delle fattispecie di evasione ed abuso del diritto. Nel caso di specie, la CTR del Lazio aveva accolto gli appelli proposti dall'Agenzia...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.