POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 23 ottobre 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
FINANZA e TRIBUTI

imposte indirette | 01 Ottobre 2018

Token digitale, ai fini IVA assimilabili ai voucher

L’Agenzia delle Entrate, fornendo la risposta n. 14/2018, ha spiegato che al fine dell’applicazione dell’IVA, i token presentino caratteristiche tali da essere tendenzialmente assimilati ai voucher.  

L’Agenzia delle Entrate, con la risposta n. 14 del 28 settembre 2018, ha fornito alcune precisazioni ad una società commerciale che voleva emettere un token digitale che consente al possessore di ottenere dei beni o servizi, rivendendolo tramite una Initial Coin Offering (ICO) al pubblico. La risposta dell’Agenzia riguarda il regime fiscale IRES, IRAP ed IVA relativo all’offerta di tali token.

 

Regime fiscale. Secondo il Fisco, le ICO costituiscono delle forme di finanziamento che usano la tecnologia blockchain, particolarmente utilizzate dalle startup. «Al fine dell’applicazione dell’IVA, con riferimento alla cessione degli utility token da parte della Società verso corrispettivo a privati consumatori, si ritiene che gli stessi presentino caratteristiche tali da essere tendenzialmente assimilati ai voucher, quali strumenti che conferiscono al detentore il diritto a beneficiare di determinati beni e/o servizi», fa sapere l’Agenzia.
Qualora la società eroghi compensi sotto forma di token, le Entrate hanno inoltre precisato che: «In relazione alla fattispecie in esame, con particolare riferimento all’erogazione, da parte della società istante/datore di lavoro, di compensi sotto forma di token ai propri amministratori e dipendenti, si ritiene che tali remunerazioni, in ossequio del principio di onnicomprensività, costituiscano per i percettori reddito di lavoro dipendente, da assoggettare a ritenuta d’acconto ai sensi dell’art. 23 d.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 sempreché il valore di tale forma remunerativa superi, per ciascun percettore, nel periodo d’imposta, euro 258,23».

 

(Fonte: fiscopiu.it)

 



Qui la risposta dell’Agenzia delle Entrate del 28 settembre 2018, n. 14