POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 20 ottobre 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
FINANZA e TRIBUTI

accertamento fiscale | 03 Agosto 2018

Informazioni anonime non sufficienti a suffragare l’autorizzazione all’accesso domiciliare da parte del PM

di Francesco Brandi - Dottore di ricerca in Diritto tributario presso la Sapienza di Roma

È illegittima l'autorizzazione del PM a eseguire la verifica fiscale a casa del contribuente basata solo su informazioni anonime: l'accesso domiciliare, infatti, è consentito solo se ricorrono gravi indizi di violazione delle norme tributarie.  

(Corte di Cassazione, sez. V Civile, sentenza n. 20096/18; depositata il 30 luglio)

Deve quindi essere annullato l’atto impositivo che si base sulla contabilità parallela reperita all’interno dell’abitazione privata del contribuente. Lo ha stabilito la Cassazione con sentenza 20096 del 30 luglio con cui ha...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.