POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 13 dicembre 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FINANZA e TRIBUTI

imposte indirette | 28 Giugno 2018

Partono gli alert per le omesse dichiarazioni IVA 2018

Il provvedimento del 27 giugno 2018 delle Entrate dà il via libera agli avvisi bonari per i contribuenti che non hanno presentato la dichiarazione relativa all’anno d’imposta 2017 o che l’hanno presentata compilando solo il quadro “Va”.  

In arrivo nuovi alert per segnalare la mancata presentazione o la presentazione incompleta delle Dichiarazioni IVA 2018. Ad annunciarlo è l’Agenzia delle Entrate: dopo aver approvato il provvedimento che prevede le comunicazioni di anomalia, l’Amministrazione finanziaria ha diramato una nota che annuncia l’imminente invio dei nuovi alert.
«Sono in arrivo i promemoria dell’Agenzia delle Entrate per i contribuenti che quest’anno hanno dimenticato di presentare la dichiarazione Iva entro la scadenza del 30 aprile o l’hanno presentata compilando solo il quadro “Va” con le informazioni e i dati relativi all’attività». Le comunicazioni verranno inviate alle PEC dei destinatari e inserite sia nel loro Cassetto fiscale che nell’interfaccia web Fatture e corrispettivi.
Ricevuta la comunicazione, il destinatario ha più strade: chi non ha presentato la dichiarazione è ancora in tempo per mettersi in regola presentando la dichiarazione entro 90 giorni (che decorrono dalla scadenza del termine, ovvero 30 aprile 2018) con il versamento delle sanzioni in misura ridotta; chi ha compilato soltanto il quadro “Va” può regolarizzare gli errori e le omissioni eventualmente commessi, beneficiando della riduzione delle sanzioni applicabili, tramite l’istituto del ravvedimento operoso.
«Questo comportamento – spiegano dalle Entrate - può essere posto in essere a prescindere dalla circostanza che la violazione sia già stata constatata oppure che siano iniziati accessi, ispezioni, verifiche o altre attività amministrative di controllo, di cui i soggetti interessati abbiamo avuto formale conoscenza».

(Fonte: fiscopiu.it)



Qui il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate del 27 giugno 2018, n. 129515