POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 17 settembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FINANZA e TRIBUTI

società tra professionisti | 08 Maggio 2018

Le società tra avvocati sono soggette ad IRES ed IRAP

L’Agenzia delle Entrate, con la risoluzione 35/E pubblicata il 7 maggio, ha risposto ad un interpello relativo alla natura del reddito prodotto dalle società tra avvocati costituite ai sensi della l. n. 247/2012. Le Entrate hanno chiarito che, costituendo attività d’impresa, anche le società tra avvocati sono soggette al pagamento di IRES ed IRAP.

«Una società per azioni costituita per l’esercizio dell’attività di avvocato deve adottare il regime fiscale previsto per le società di capitali e, dunque, deve assoggettare ad IRES il reddito prodotto e ad IRAP il valore della produzione».
Questa la precisazione contenuta nella risoluzione 35/E pubblicata ieri dall’Agenzia delle Entrate, con la quale viene fornita risposta ad un quesito in merito alla natura del reddito prodotto dalle società tra avvocati.

Il quesito. L’istante riteneva che una società per azioni costituita per l’esercizio dell’attività di avvocato dovesse adottare il regime fiscale previsto per le società di capitali, con il conseguente assoggettamento ad IRES e IRAP. L’Agenzia delle Entrate ha risposto in maniera concorde con il parere dell’istante: l’esercizio della professione svolta in forma societaria costituisce, dunque, attività d’impresa.

Società tra avvocati. La professione di avvocato, in virtù dell’art. 4-bis l. n. 247/2012, può essere esercitata in forma societaria. In particolare, la forma adottabile è quella della società di persone, di capitali o cooperativa iscritta in apposita sezione speciale dell’albo tenuto dall’ordine territoriale nella cui circoscrizione ha sede la società medesima. I soci, per almeno due terzi del capitale sociale e dei diritti di voto, devono essere avvocati iscritti all’albo, ovvero avvocati iscritti all’albo e professionisti iscritti in albi di altre professioni; la maggioranza dei membri dell’organo di gestione deve essere composta da soci avvocati ed infine i componenti dell’organo di gestione non possono essere estranei alla compagine sociale, i soci professionisti possono rivestire la carica di amministratori.
Pur restando fermo il principio della personalità della prestazione professionale, le Entrate precisano che «l’esercizio della professione forense svolta in forma societaria costituisce attività d’impresa, in quanto, risulta determinante il fatto di operare in una veste giuridica societaria piuttosto che lo svolgimento di un’attività professionale».
Sul piano fiscale dunque «alle società tra avvocati costituite sotto forma di società di persone, di capitali o cooperative, si applicano le previsioni di cui agli artt. 6, ultimo comma, e 81 TUIR, per effetto delle quali il reddito complessivo delle società in nome collettivo e in accomandita semplice, delle società e degli enti commerciali di cui alle lettere a) e b) del comma 1 dell’art. 73, comma 1, lettere a) e b), da qualsiasi fonte provenga è considerato reddito d’impresa».

(Tratto da fiscopiu.it)

 



Qui la risoluzione dell’Agenzia delle Entrate del 7 maggio 2018, n. 35/E