POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 16 giugno 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FINANZA e TRIBUTI

unioni civili | 27 Ottobre 2017

Anche al convivente di fatto spetta la partecipazione agli utili dell’impresa familiare

L’intervento dell’Agenzia delle Entrate con la risoluzione 134/E pubblicata il 26 ottobre: «Si ritiene che il reddito spettante alla convivente di fatto, derivante dalla partecipazione agli utili dell’impresa del convivente sia a lei imputabile in proporzione alla sua quota di partecipazione».

«Si ritiene che il reddito spettante alla convivente di fatto, derivante dalla partecipazione agli utili dell’impresa del convivente sia a lei imputabile in proporzione alla sua quota di partecipazione». Così l’Agenzia delle Entrate con la risoluzione 134/E, con la quale il Fisco ha fornito alcuni chiarimenti in merito al trattamento fiscale della quota che un contribuente (titolare di impresa individuale) intendeva imputare a titolo di partecipazione agli utili alla sua convivente di fatto.

L’interpello. Nel caso analizzato dall’Agenzia, in risposta all’interpello di un contribuente, il trattamento fiscale della quota a titolo di partecipazione agli utili, a decorrere dal 2017, in esecuzione dell’atto modificativo di impresa familiare: dal 31 dicembre 2016, infatti, era cessata la prestazione d’opera resa dalla madre, ed era stata inserita la convivente di fatto. La risposta dell’Agenzia delle Entrate si inserisce nel solco tracciato dalla legge n. 76/2016 in tema di regolamentazione delle unioni civili; secondo l’Agenzia, la scelta del legislatore, che ha introdotto una specifica disciplina per il convivente, è sintomo di voler mantenere distinte la collaborazione del convivente rispetto al familiare.

Regime tributario. L’art. 5 del T.U.I.R., che regola il regime tributario dell’impresa familiare, non richiama infatti i diritti spettanti al convivente che partecipa all’impresa dell’altro convivente. «Ciò – osserva l’Agenzia – porterebbe ad escludere l’applicazione a tale ultima ipotesi della norma fiscale richiamata. Tuttavia, il riferimento alla “partecipazione agli utili dell’impresa familiare” spettanti al convivente, contenuto nell’art. 230-ter c.c., consente di applicare anche a questa fattispecie i principi generali che hanno portato alla collocazione dell’impresa familiare all’interno dell’art. 5 del T.U.I.R.».

(Fonte: fiscopiu.it)



Qui la risoluzione dell’Agenzia delle Entrate del 26 ottobre 2017, n. 134/E