POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 25 agosto 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FINANZA e TRIBUTI

PTT - prassi | 13 Gennaio 2017

PEC: l'era dell'online per le commissioni tributarie è ormai alle porte

Sul portale della Giustizia Tributaria sono state pubblicate le statistiche sull'utilizzo della PEC, dove si evince un subentro a (quasi) pieno regime dell'utilizzo del digitale rispetto il cartaceo. Come noto il prossimo step (15 febbraio) riguarderà l'avvio per le commissioni tributarie di Campania, Puglia e Basilicata, per poi concludersi a luglio 2017 per le regioni mancanti.

Sul portale della Giustizia Tributaria sono state pubblicate negli scorsi giorni le statistiche sull'utilizzo della PEC, dove si evince un subentro a (quasi) pieno regime dell'utilizzo del digitale rispetto il cartaceo.

I dati. Come noto a partire dai prossimi mesi il processo telematico sarà avviato un po’ in tutta Italia, uno dei motivi che induce le regioni a questo cambio di modalità è, così come si legge nel comunicato, che l'utilizzo della PEC, le cui regole sono definite dal Decreto Direttoriale del 26 aprile 2012, ha notevolmente accelerato la tempestività delle comunicazioni, consentendo anche un consistente risparmio, rispetto ai costi di invio (circa euro 5,00) della raccomandata.
Nella comunicazione si legge poi che le parti processuali ricevono le comunicazioni inerenti la causa secondo le modalità previste dall'art. 16-bis d.lgs. n. 546/1992. In particolare, lo stesso prevede che dette comunicazioni possano avvenire anche mediante la casella di PEC del destinatario.

Una crescita graduale. Di seguito alcuni dati statistici relativi al numero di comunicazioni inviate tramite PEC relative all'anno 2016: si può notare la graduale crescita della nuova modalità, ad oggi pari al 94,4%.

 

(Fonte: www.iltributario.it)