POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 25 ottobre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FINANZA e TRIBUTI

obblighi europei | 13 Luglio 2016

In Gazzetta Ufficiale il decreto contro la falsificazione della moneta europea

Con il decreto legislativo del 21 giugno 2016, n. 125, pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 12 luglio 2016, n. 161, è stata data attuazione alla direttiva 2014/62/UE avente ad oggetto la protezione mediante il diritto penale dell'euro e di altre monete contro la falsificazione e che sostituisce la decisione quadro 2000/383/GAI.

Disposizioni in materia di tutela penale dell'euro contro la falsificazione. Il decreto legislativo n. 125/2016, pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 12 luglio 2016, n. 161, chiarisce che il reato di falsificazione della moneta si applicherà a chi, legalmente autorizzato alla produzione, fabbrica indebitamente, abusando degli strumenti o dei materiali nella sua disponibilità, quantitativi di monete in eccesso rispetto alle prescrizioni. La pena è ridotta di un terzo quando le condotte di cui al primo e secondo comma hanno ad oggetto monete non aventi ancora corso legale. Inoltre il decreto sottolinea che all'attuazione delle disposizioni contenute in esso si provvede mediante l'utilizzo delle risorse umane, strumentali e finanziarie disponibili a legislazione vigente e senza nuovi o maggiori oneri a carico del bilancio dello Stato.



Qui il d.lgs. del 21 giugno 2016, n. 125, pubblicato in G.U. del 12 luglio 2016, n. 161