POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 17 ottobre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FINANZA e TRIBUTI

Imposte indirette | 02 Settembre 2014

Usi civici, atti immobiliari senza imposta di bollo e di registro

Con risoluzione n. 80/E del 29 agosto scorso, l’Amministrazione finanziaria ha chiarito che per gli atti relativi agli usi civici, costitutivi di diritti reali o traslativi della proprietà di beni immobili stipulati a titolo oneroso, trova applicazione il regime di esenzione di cui agli artt. 2, l. n. 692/1981 e 40, l. n. 1766/1927. Il chiarimento arriva dopo la recente conversione del d.l. n. 66/2014.

 

Esenzione applicabile. Trova applicazione il regime di esenzione di cui agli artt. 2, l. n. 692/1981 e 40, l. n. 1766/1927 rispetto agli atti relativi agli usi civici, costitutivi di diritti reali o traslativi della proprietà di beni immobili stipulati a titolo oneroso. È il chiarimento giunto dall’Agenzia delle Entrate con la risoluzione n. 80/E del 29 agosto scorso all'esito della conversione in legge del d.l. n. 66/2014.
Il chiarimento. Nel dettaglio, il citato art. 2 stabilisce che le «sentenze, ordinanze e decreti di restituzione delle terre a comuni o associazioni agrarie, scioglimenti di promiscuità tra i detti enti, liquidazione di usi civici, legittimazioni, assegnazioni di terre e atti dei procedimenti previsti dalla L. 16 giugno 1927, n. 1766, e relativo regolamento di esecuzione, approvato con R.D. 26 febbraio 1928, n. 332, sono esenti da tasse di bollo e registro e da altre imposte».
Sull’applicazione di tale disposizione, già con la risoluzione 20 giugno 2014, n. 64, l’Agenzia aveva avuto modo di chiarire che la norma di soppressione delle agevolazioni, ex art. 10, comma 4, d. lgs. n. 23/2011, trovava applicazione anche con riferimento alle operazioni contemplate dall’art. 2, qualora avessero realizzato un trasferimento della proprietà di beni immobili o la costituzione di un diritto reale sugli stessi, a titolo oneroso, cui conseguentemente andava applicata l’imposta proporzionale di registro.
Per altro verso, la soppressione delle agevolazioni recata dal citato art. 10, non operava in relazione agli atti di affrancazione. Gli atti di affrancazione non producono, infatti, il trasferimento della proprietà delle terre civiche che viene, invece, acquistata per effetto della legittimazione. Pertanto, anche gli atti di affrancazione stipulati in data successiva al 1° gennaio 2014 continuavano a beneficiare del regime di esenzione.
L’evoluzione normativa. In data successiva alla emanazione del citato provvedimento di prassi, tuttavia, interveniva la l. n. 89/2014, che ha convertito, con modificazioni, il d.l. n. 66/2014. Ed in sede di conversione veniva modificato l’art. 10, comma 4, d.lgs. n. 23/2011.
Per effetto delle modifiche introdotte, il citato art. 10, comma 4, stabilisce ora che «in relazione agli atti di cui ai commi 1 e 2 sono soppresse tutte le esenzioni e le agevolazioni tributarie, anche se previste in leggi speciali ad eccezione (…) delle disposizioni di cui all'articolo 2 della legge 1° dicembre 1981, n. 692, e all'articolo 40 della legge 16 giugno 1927, n. 1766».
Con le modifiche viene, dunque, fatta espressamente salva l’applicabilità delle agevolazioni previste dai citati artt. 2, l. n. 692/1981 e dall’art. 40, l. n. 1766/1927.
Ne deriva che, a partire dal 24 giugno 2014, data di entrata in vigore della l. n. 89/2014, il regime di esenzione previsto dalle richiamate disposizioni trova applicazione anche con riferimento agli atti costitutivi di diritti reali o traslativi della proprietà di beni immobili stipulati a titolo oneroso. Conseguentemente, gli atti di legittimazione del Comune che in sede di interpello aveva chiesto lumi all’Agenzia, in data successiva al 24 giugno 2014 potranno beneficiare, ricorrendone i presupposti, del regime di esenzione.

(fonte: www.fiscopiu.it)



Qui la circolare n. 80/E dell’Agenzia delle Entrate del 29 agosto 2014