POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 25 ottobre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FINANZA e TRIBUTI

Pubblica Amministrazione | 15 Luglio 2014

Debiti P.A.: fissato il tasso d'interesse per le anticipazioni di liquidità agli enti locali

Con il Decreto direttoriale del 23 giugno 2014, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 12 luglio scorso, il Ministero dell'Economia, in attuazione dell'art. 31 del d.l. n. 66/2014, ha fissato in misura pari all’1,465% il tasso d'interesse da applicare sulle anticipazioni di liquidità da erogare per il 2014 agli enti locali che ne faranno richiesta, per il pagamento dei propri debiti nei confronti delle società partecipate.

 

Fissata la cifra. È pari all’1,465% il tasso d'interesse da applicare sulle anticipazioni di liquidità da erogare per il 2014 agli enti locali che ne faranno richiesta, per il pagamento dei propri debiti nei confronti delle società partecipate. Lo ha stabilito il d.m. del 23 giugno 2014, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 12 luglio scorso, in attuazione all'art. 31 del d.l. n. 66/2014, che ha aumentato di 2 miliardi il Fondo per assicurare la liquidità per pagamenti dei debiti certi, liquidi ed esigibili al 31 dicembre 2013 degli enti locali alle proprie società partecipate.
Presentazione della domanda. In particolare, l'art. 3 del decreto («Concessione risorse a enti locali») dispone che la domanda di anticipazione da parte degli enti locali deve essere presentata, a pena di nullità, entro la data prevista dall'atto aggiuntivo, da stipularsi tra il Ministero dell'Economia e la Cassa Depositi e Prestiti, unitamente ad una «dichiarazione attestante la verifica dei crediti e debiti reciproci nei confronti delle società partecipate, asseverata dagli organi di revisione dello stesso ente locale e, per la parte di competenza, delle società partecipate interessate» (comma 2).
Le anticipazioni, ai sensi del comma 3 del predetto art. 3 del Decreto, saranno concesse entro 15 giorni dalla data ultima di presentazione delle domande, nei limiti delle risorse rese disponibili a seguito dell'incremento del Fondo. Il tasso d'interesse da applicare alle anticipazioni - fissato, come già detto, nella misura dell'1,465% - corrisponde al rendimento di mercato dei buoni poliennali del Tesoro a 5 anni in corso di emissione, rilevato l’11 luglio 2014 sul mercato regolamentato dei titoli di Stato-Mts.

(fonte: www.fiscopiu.it)