POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 22 luglio 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
FINANZA e TRIBUTI

CORTE DI GIUSTIZIA | 09 Giugno 2006

Come un'azienda straniera può recuperare l'Iva non dovuta

Il caso di una fabbrica tedesca a cui una società italiana di servizi ha fatturato una prestazione includendo erroneamente l'imposta. Riscossa dall'Erario

(Corte di giustizia europea, Conclusioni dell'avvocato generale Sharpston nella causa C-35/05; depositata l' 8 giugno 2006)

Se l'Iva, pur non essendo dovuta, è stata fatturata e pagata alle autorità tributarie da un prestatore di servizi o fornitore di beni è sufficiente, in ossequio ai principi di neutralità dell'Iva e di effettività delle norme nazionali relative alla restituzione...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.