POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 22 aprile 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
COMUNITARIO e INTERNAZIONALE

legislazione | 10 Febbraio 2021

La risoluzione del Parlamento europeo sul diritto alla disconnessione

di La Redazione

Il Parlamento europeo ha approvato una risoluzione sulla tutela del diritto dei lavoratori a disconnettersi dal lavoro e a non essere raggiungibili al di fuori dell’orario lavorativo. Se infatti la tecnologia rende possibile lavorare in smartworking con orari flessibili, l’emergenza epidemiologica ed il lockdown hanno contribuito a creare la cultura della reperibilità continua del lavoratore.  

Il 37% i lavoratori nell’UE ha cominciato a lavorare da casa durante il lockdown. Il 27% di coloro che lavorano da casa hanno lavorato durante il loro tempo libero. Questi numeri danno un’idea del fenomeno che ha portato il Parlamento Europeo ad approvare una risoluzione a tutela del diritto del lavoratore alla disconnessione.

Infatti, come si legge nel comunicato diffuso sul sito del Parlamento, «nonostante lo smartworking abbia salvato posti di lavoro e reso possibile a diverse aziende di sopravvivere alla crisi del coronavirus, questa modalità ha anche reso poco chiara la distinzione tra la vita privata e vita professionale. Molte persone lavorano anche fuori dal proprio orario lavorativo, rovinando il loro equilibrio tra attività professionale e vita privata».

Il Parlamento ha sottolineato come la costante connettività possa causare anche problemi di salute. Sono più di 300 milioni i lavoratori al mondo che soffrono di depressione ed altri disturbi mentali legati al lavoro.

 

Per questi motivi, il Parlamento europeo chiede una nuova legge UE a tutela del diritto alla disconnessione, istituto che al momento non trova definizione nella normativa comunitaria. Il 21 gennaio scorso è stato chiesto alla Commissione europea di proporre una legge che permetta ai lavoratori di disconnettersi al di fuori dell’orario lavorativo senza conseguenze e che stabilisca degli standard di base da rispettare per il lavoro da remoto.

Il Parlamento ha sottolineato la necessità di vietare ai datori di lavoro di chiedere ai propri dipendenti di essere disponibili al di fuori del loro orario lavorativo e che i collaboratori evitino di contattare i colleghi per motivi di lavoro quando non sono disponibili. Un’altra necessità è quella di tutelare i lavoratori che invochino il diritto alla disconnessione da ripercussioni negative, di inserire meccanismi per reclami.

 



Qui la risoluzione approvata dal Parlamento Europeo