POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 30 ottobre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
COMUNITARIO e INTERNAZIONALE

compenso avvocati | 12 Giugno 2020

CEDU: l’avvocato deve essere legittimato a recuperare i propri onorari

di Giulia Milizia

L’avvocato deve sempre poter accedere ad un Tribunale per il recupero dei propri onorari sia quando si tratta di compensi standard liquidati dal giudice ed a carico dello Stato, sia in caso di controversie col cliente su compensi basati su tariffe o liberamente pattuiti (commissione). In caso contrario risulta violato, come nella fattispecie della CEDU qui annotata, l'art.6 §.1 (diritto di accesso ad un Tribunale).

È quanto deciso dalla CEDU nel caso Kandarakis c. Grecia (ric.48345/12 +2) dell’11 giugno.   La vertenza, seppure incentrata sulle peculiarità della legge interna greca, presenta alcune analogie con la nostra relativamente...

Qui la sentenza dalla CEDU, First Section, caso Kandarakis c. Grecia, (ric. 48345/12 +2) dell’11 giugno

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.