POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 13 dicembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
COMUNITARIO e INTERNAZIONALE

diritto bancario | 15 Novembre 2019

Banche in fuga dall’Italia: chi paga il fondo di salvataggio?

di Riccardo Bencini - Avvocato, Professore a contratto di Diritto Commerciale nell’Università di Firenze

La Corte di Giustizia dell’Unione Europea, con sentenza del 14 novembre 2019 (ECLI:EU:C:2019:967), si è espressa sulla domanda di pronuncia pregiudiziale proposta, ai sensi dell’articolo 267 TFUE, dal TAR Lazio con ordinanza del 15 novembre 2017 nel procedimento avviato dalla State Street Bank International GmbH contro la Banca d’Italia in ordine al versamento di contributi al Fondo nazionale di risoluzione in Italia.  

(Corte di Giustizia EU, Prima Sezione, sentenza 14 novembre 2019, causa C-255/18)

La domanda di pronuncia pregiudiziale sollevata alla CGUE dal TAR Lazio verte sull’interpretazione della Direttiva 2014/59/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 15 maggio 2014 che istituisce un quadro di risanamento e risoluzione degli...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.