POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 21 agosto 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
COMUNITARIO e INTERNAZIONALE

confisca | 30 Novembre 2018

Riconoscimento reciproco dei provvedimenti di congelamento e confisca: pubblicato il nuovo Regolamento UE

di La Redazione

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea del 28 novembre 2018, L303/1, il Regolamento UE 2018/1805 del Parlamento europeo e del Consiglio del 14 novembre 2018 relativo al riconoscimento reciproco dei provvedimenti di congelamento e di confisca. Il testo stabilisce le norme secondo le quali uno Stato membro riconosce ed esegue nel suo territorio provvedimenti di congelamento e provvedimenti di confisca emessi da un altro Stato membro nel quadro di un procedimento in materia penale.  

Il nuovo Regolamento. Il Regolamento UE 2018/1805 del Parlamento europeo e del Consiglio del 14 novembre 2018 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea del 28 novembre 2018, L303/1. Come si legge nei Considerando introduttivi, il Regolamento «mira ad intervenire sul vigente regime in materia di riconoscimento reciproco dei provvedimenti di congelamento e dei provvedimenti di confisca considerando in particolare la direttiva 2014/42/UE del Parlamento europeo e del Consiglio stabilisce norme minime comuni in materia di congelamento e di confisca dei beni».
Per questo motivo «È importante facilitare il riconoscimento reciproco e l'esecuzione dei provvedimenti di congelamento e dei provvedimenti di confisca fissando norme che obblighino uno Stato membro a riconoscere senza ulteriori formalità i provvedimenti di congelamento e i provvedimenti di confisca emessi da un altro Stato membro nel quadro di un procedimento in materia penale e ad eseguire tali provvedimenti nel proprio territorio».

 

Congelamento. La procedura di congelamento introdotta, che si applica in riferimento a diverse fattispecie di reato, prevede l’emissione del provvedimento di congelamento mediante apposito certificato, accompagnato da un certificato di confisca, da parte dell’autorità di esecuzione. Il certificato contiene l'istruzione secondo cui i beni devono rimanere congelati nello Stato di esecuzione in attesa della trasmissione e dell'esecuzione del provvedimento di confisca e viene trasmesso ad uno Stato di esecuzione per volta oppure contemporaneamente a più Stati laddove i beni oggetto del provvedimento siano ubicati in Stati diversi oppure il congelamento richieda azioni in più Stati.
Il Regolamento si applica ai certificati di congelamento e ai certificati di confisca trasmessi il 19 dicembre 2020 o successivamente a tale data. I certificati di congelamento e i certificati di confisca trasmessi prima del 19 dicembre 2020 continuano a essere disciplinati dalle decisioni quadro 2003/577/GAI e 2006/783/GAI tra gli Stati membri vincolati dal Regolamento fino all'esecuzione definitiva del provvedimento di congelamento o del provvedimento di confisca.

 



Qui il Regolamento 2018/1805 del Parlamento europeo e del Consiglio del 14 novembre 2018; in G.U. UE del 28 novembre 2018, L303/1