POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 23 ottobre 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
COMUNITARIO e INTERNAZIONALE

perquisizioni | 27 Settembre 2018

La CEDU bacchetta l’Italia: le norme sulle perquisizioni non offrono garanzie contro gli abusi

di Giulia Milizia

Per la CEDU la legge italiana sulle perquisizioni non offre garanzie contro l’abuso di potere e le iniziative arbitrarie: nella fattispecie esaminata il ricorrente non ha beneficiato di un controllo efficace come quello previsto da uno stato di diritto in una società democratica, poiché nessun giudice ha esaminato, né ex ante né ex post, la necessità e la legalità di questa misura investigativa, sì che c’è stata un’ingerenza, non prevista dalla legge, nel suo diritto al rispetto del domicilio, in violazione dell’art. 8 CEDU.

È quanto deciso dalla CEDU sez. I nel caso Brazzi c. Italia (ric. 57278/11) del 27 settembre 2018.   Il caso. Il ricorrente è un italiano iscritto all’Aire che dal 1989 risiede in Germania (Monaco). Da un controllo...

Qui la sentenza della CEDU, sez. I, del 27 settembre 2018 caso Brazzi c. Italia (ric. 57278/11)

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.