POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 29 febbraio 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
COMUNITARIO e INTERNAZIONALE

libertà di religione | 19 Settembre 2018

Donna “velata” dal Tribunale non può essere cacciata

di Giulia Milizia

Indossare lo hjiab è un atto ispirato da convinzioni religiose perciò negare l’accesso all’aula d’udienza ad una parte è una lesione della libertà di manifestare la propria religione (art. 9 Cedu) contraria ad una società democratica, non giustificata dalla necessità di mantenere l’ordine e dalla buona amministrazione della giustizia.  

È quanto ribadito dalla CEDU sez. II nel caso Lachiri c. Belgio (ric. 3413/09) del 18 settembre 2018 (identico al caso Hamidovic c. Bosnia Erzegovina, nel quotidiano del 5/12/17, relativo, però, allo zucchetto indossato dagli uomini di...

Qui la sentenza della CEDU, sez. II, del 18 settembre 2018, caso Lachiri c. Belgio (ric. 3413/09)

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.