POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 17 settembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
COMUNITARIO e INTERNAZIONALE

previdenza | 19 Luglio 2018

La perequazione delle pensioni non viola la Cedu: ricorso inammissibile

La Corte Europea dei diritti dell’uomo ha dichiarato inammissibile il ricorso proposto da oltre 10mila pensionati italiani contro il d.l. n. 65/2015, convertito in l. n. 109/2015. In un contesto di deficit di bilancio e difficoltà economica per lo Stato italiano, correttamente il Governo ha deciso di bloccare l’aggiornamento delle pensioni statali per gli anni 2012 e 2013. La decisione non si pone in contrasto con i principi della Convenzione europea dei diritti dell’uomo.  

Con il ricorso presentato da 10.059 pensionati italiani, e respinto oggi dalla CEDU, venivano invocati i principi della Cedu in tema di diritto alla proprietà (art. 1 Cedu) e proporzionalità affermando che le disposizioni introdotte con il d.l. n. 65/2015, conv. in l. n. 109/2015, avevano creato un’immediata interferenza sui redditi dei pensionati italiani per gli anni 2012 e 2013, con un permanente squilibrio negli anni successivi.

Meccanismo legittimo. La Corte Costituzionale si era peraltro già pronunciata sulla vicenda con la sentenza n. 250/2017 negando fondamento alle censure di incostituzionalità mosse al meccanismo di blocco dell’adeguamento automatico delle pensioni.
Oggi i Giudici di Strasburgo hanno confermato l’adeguatezza delle misure introdotte dal Governo italiano osservando che il legislatore, obbligato ad intervenire in un contesto di difficoltà economica, ha correttamente cercato di tutelare l’interesse generale e di preservare la stabilità del sistema di sicurezza sociale per le generazioni future.
Inoltre, la Corte ha ritenuto che gli effetti della riforma non fossero così severi da rischiare di causare difficoltà ai ricorrenti nel sostenere i costi della vita in misura incompatibile con i principi della Convenzione europea dei diritti umani.



Qui la sentenza dalla CEDU, sez. Prima, del 19 luglio 2018, casi Aielli e altri contro Italia e Arboit e altri contro Italia (ric. 27166/18 e 17167/18)