POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 12 dicembre 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
COMUNITARIO e INTERNAZIONALE

privacy | 28 Giugno 2018

Il diritto del pubblico di accedere agli archivi online prevale sul diritto all’oblio

di Giulia Milizia

La CEDU ha escluso ogni violazione dell’art. 8 Cedu circa il rifiuto delle Corti tedesche di attuare il diritto all’oblio e l’anonimizzazione dei dati relativi ad un processo penale ed alla condanna dei due ricorrenti per l’omicidio di una nota star. I giornalisti svolgono un ruolo fondamentale nel creare un’opinione pubblica sulla democrazia e l’accesso agli archivi digitali è un mezzo per informare la collettività anche sulla storia contemporanea.

È quanto deciso dalla CEDU sez. V M.L. e W.W. c. Germania (ric. 60798 e 65599/10) del 28 giugno 2018. Il caso. I due ricorrenti furono processati e condannati nel 1993 per l’uccisione di un noto attore: la vicenda ebbe vasta eco. Nel...

Qui la sentenza CEDU, sez. V, del 28 giugno 2018, caso M.L. e W.W. c. Germania (ric. 60798 e 65599/10)

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.