POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 25 febbraio 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
COMUNITARIO e INTERNAZIONALE

ordinamento penitenziario | 04 Ottobre 2017

In carcere non è discriminatorio riconoscere meno privilegi al padre che alla madre

di Giulia Milizia

Le diverse tutele riconosciute alla madre detenuta e non accordate anche al padre incarcerato, giustificate dalle peculiarità stesse della maternità e dal forte legame che s’instaura col figlio dalla gestazione al suo primo anno d’età, non costituiscono una discriminazione basata sul sesso ex art. 14 Cedu. Sono misure volte a tutelare il benessere psico-fisico del minore. 

È quanto stabilito dalla CEDU nel caso Alexandru Enache c. Romania (ric. 16896/12) del 3 ottobre 2017 (inserita nei factsheets: Gender equality) che presenta forti analogie anche col nostro ordinamento: si lamentano minori tutele accordate ai...

Qui la sentenza CEDU, caso Alexandru Enache c. Romania (ric. 16896/12) del 3 ottobre 2017 (nei factsheets: Gender equality)

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.