POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 28 febbraio 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
COMUNITARIO e INTERNAZIONALE

diritto di visita | 11 Gennaio 2017

Nessuna agevolazione nei contatti tra un padre sordomuto e suo figlio, Polonia condannata

di Francesca Catassi

I giudici di Strasburgo sottolineano l’importanza per un bambino di mantenere e sviluppare il legame con la propria famiglia e l’interesse superiore di questo a salvaguardare il legame con entrambi i genitori. La mancata adozione di misure volte a facilitare i contatti tra padre e figlio viola il diritto al rispetto della vita privata e familiare sancito dall’art. 8 Cedu.

Così ha stabilito la Corte europea dei diritti dell’uomo con sentenza pubblicata il 10 gennaio 2017, nel caso Kacper Nowakowski contro Polonia (application n. 32407/13). Il caso. Una coppia di polacchi affetti da deficit auditivi (lui...

Qui la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo del 10 gennaio 2016, caso Kacper Nowakowski contro Polonia application n. 32407/13

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.