POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 25 ottobre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
COMUNITARIO e INTERNAZIONALE

obblighi europei | 01 Luglio 2016

Legge europea 2015-2016: il sì definito della Camera

Nella giornata di giovedì 30 giugno 2016, la Camera dei deputati ha approvato in via definitiva il disegno di legge, già approvato dal Senato, «Disposizioni per l'adempimento degli obblighi derivanti dall'appartenenza dell'Italia all'Unione europea - Legge europea 2015-2016».

Approvata definitiva per la Legge europea 2015-2016. Giovedì 30 giugno 2016 l'Assemblea della Camera dei deputati ha approvato definitivamente la Legge europea 2015-2016 (C. 3821-A). Il testo non ha subito modifiche rispetto a quello approvato dal Senato della Repubblica lo scorso 10 maggio. La legge è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.

Strumento di adeguamento all'ordinamento dell'Unione europea. La Legge europea rappresenta, insieme alla legge di delegazione europea, uno dei due strumenti di adeguamento all'ordinamento dell'Unione europea previsti dalla l. n. 234/2012, che ha introdotto una riforma organica delle norme che regolano la partecipazione dell'Italia alla formazione e all'attuazione della normativa e delle politiche dell'Unione europea. In particolare, la Legge europea contiene norme di diretta attuazione volte a garantire l'adeguamento dell'ordinamento nazionale all'ordinamento europeo, con particolare riguardo ai casi di non corretto recepimento della normativa europea.



Qui il testo della Legge europea 2015-2016