POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 25 gennaio 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

rapporti di lavoro | 24 Novembre 2020

Negare il trasferimento ad un militare non è mobbing lavorativo, ma organizzazione dell’ufficio

di Giulia Milizia

La sentenza annotata ha il pregio di ricostruire gli elementi costitutivi del mobbing e la procedura per risarcire i danni da esso causati. Nella fattispecie, un ex finanziare ha visto respinta la sua istanza risarcitoria perché non vi era alcuna prova di un trattamento vessatorio da parte dell’Amministrazione, dato che i rifiuti contestati rientravano per lo più nelle ordinarie esigenze di servizio.

(TAR Lazio, sez. II – ter, sentenza n. 11343/20; depositata il 3 novembre)

È quanto stabilito dal TAR Lazio con sentenza n.11343/20 depositata il 3 novembre.   Un finanziere, oggi in congedo col grado di Brigadiere capo, lamentava che gli erano state respinte diverse istanze di trasferimento presso una...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.