POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 25 gennaio 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

circolazione stradale | 23 Novembre 2020

Controlli stradali: servono strumenti approvati oppure omologati

di Stefano Manzelli

I dispositivi elettronici finalizzati all’accertamento di violazioni stradali devono essere sempre approvati o omologati dalla Direzione generale per la sicurezza stradale del Ministero dei trasporti. Ma non intercorre alcuna differenza, dal lato pratico, tra un sistema approvato e uno semplicemente omologato. Se non per il fatto che per i dispositivi omologati esistono norme tecniche di riferimento che supportano la procedura amministrativa, mentre per quelli approvati non c’è alcuna indicazione.  

Lo ha chiarito il Ministero dei trasporti con la circolare dell’11 novembre 2020.   L’equivalenza sostanziale tra le procedure di approvazione e di omologazione dei dispositivi e sistemi di regolazione e controllo della circolazione...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.