POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 22 ottobre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

compenso avvocati | 24 Settembre 2020

Propine percepite dell’Avvocato di Stato e calcolo del tetto retributivo massimo: la questione alla Consulta

di La Redazione

Il Consiglio di Stato ha sollevato questione di legittimità costituzionale dell’art. 9, c.1., del D.l. n. 90/2014 e dell’art. 23-ter, c. 1, d.l. n. 201/2011 ove nell’alveo del tetto massimo retributivo di 240 euro annui vengono compresi i compensi professionali che gli Avvocati di Stato percepiscono a titolo di spese liquidate in favore delle amministrazioni patrocinate (c.d. propine).  

(Consiglio di Stato, sez. V, sentenza non def. n. 5220/20; depositata il 26 agosto)

Un avvocato dello Stato in servizio presso l’Avvocatura distrettuale dello Stato proponeva ricorso al TAR per l’annullamento del provvedimento con cui era stata effettuata una trattenuta sui compensi professionali, operata per il ritenuto...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.