POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 27 febbraio 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

question time | 23 Luglio 2020

Assistenti giudiziari, il question time di Bonafede

di La Redazione

Il Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede ha risposto nell’aula di Montecitorio all’interrogazione relativa allo scorrimento della graduatoria relativa al concorso per assistente giudiziario, bandito nel 2016 e subito dopo al quesito sulla riapertura della casa circondariale di Sala Consilia.  

Con riferimento al concorso per assistenti giudiziari, rispondendo al quesito dell’onorevole Giuliano, il Guardasigilli ha affermato che è stato disposto l’ultimo scorrimento ad esaurimento della graduatoria dei residui 837 candidati risultati idonei: i primi 500 entro il 7 agosto, i restanti in autunno. Ha poi ribadito che ciò «è stato reso possibile anche grazie al decreto ministeriale che ho sottoscritto proprio lunedì scorso e che ha incrementato di 194 unita il ruolo degli assistenti giudiziari, al fine di riequilibrare le varie professionalità rispetto ai mutati flussi di lavoro degli uffici giudiziari». Ha poi ricordati i bandi che verranno emanati prossimamente grazie al d.l. Rilancio.

 

Replicando poi all’interrogazione a prima firma dell’onorevole Conte, Bonafede ha chiarito che «pur consapevole delle difficoltà incontrate dagli operatori, cancellieri, magistrati, avvocati e congiunti dei reclusi a causa della soppressione della casa circondariale di Sala Consilina (oramai 5 anni fa), il funzionamento di un istituto penitenziario impone una organizzazione funzionale», confermando l’opportunità della soppressione del carcere in questione.