POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 03 agosto 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

privacy | 14 Luglio 2020

Chiarimenti del Garante Privacy sul parere in merito all’uso dei dati ricavati dalle fatture elettroniche

di La Redazione

Ferma restando la valutazione positiva in più occasioni espressa dal Garante Privacy sull’istituto della fattura elettronica, con il parere dello scorso 9 luglio l’Autorità ha manifestato le proprie perplessità circa lo schema di provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate con il quale è prevista l’estensione dell’utilizzo, a fini di controllo, di ulteriori dati ricavati dalla fatture elettroniche ma fiscalmente non rilevanti.

Facendo seguito al parere del 9 luglio scorso e al conseguente dibattito, il Garante ha voluto precisare che tale provvedimento «non riguarda l’istituto della fattura elettronica - su cui l’Autorità si è, a suo tempo, e più di una volta espressa favorevolmente - ma le innovazioni con le quali il legislatore - e, conseguentemente, l’Agenzia delle entrate - ha esteso l’utilizzo, a fini di controllo, di ulteriori dati ricavati dalle fatture elettroniche, non fiscalmente rilevanti». Tale documento dispone infatti «l’utilizzo, a fini fiscali, dei c.d. “dati fattura integrati”, comprensivi di dati di dettaglio inerenti anche l’oggetto della prestazione del bene o del servizio. Molti di questi dati - quali ad esempio quelli contenuti negli allegati delle fatture - non rilevano a fini fiscali e possono invece rivelare dati di natura sanitaria o la sottoposizione dell’interessato a procedimenti penali, come nel caso di fatture per prestazioni in ambito forense o ancora specifiche informazioni su merci o servizi acquistati».
Si realizzerebbe così un’estensione del novero dei dati trattati dall’amministrazione fiscale contrastante con il principio di proporzionalità con un potenziale ingolfamento delle «banche dati dell’Agenzia delle Entrate rendendole più vulnerabili, perché estese e interconnesse in misura tale da divenire assai più difficilmente presidiabili». In definitiva si «configura un sistema di controllo irragionevolmente pervasivo della vita privata di tutti i contribuenti, senza peraltro migliorare il doveroso contrasto dell’evasione fiscale. E’ questo l’elemento di maggiore criticità delle recenti innovazioni normative, su cui il Garante ha chiesto un supplemento di riflessione sin dall’esame parlamentare del decreto fiscale».

 



Qui il provvedimento del Garante Privacy del 9 luglio 2020, n. 133