POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 09 luglio 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

decreto coronavirus | 03 Giugno 2020

L’ok del Garante Privacy all’App Immuni

di La Redazione

Autorizzato dal Garante per la protezione dei dati personali l’avvio del trattamento relativo al Sistema di allerta Covid-19, ossia la tanto attesa App Immuni, disponibile dallo scorso 1° giugno sugli store dei cellulari.  

Sulla base della valutazione d’impatto trasmessa dal Ministero, il trattamento di dati personali effettuato nell’ambito dell’app può essere considerato proporzionato, «essendo state previste misure volte a garantire in misura sufficiente il rispetto dei diritti e le libertà degli interessati, che attenuano i rischi che potrebbero derivare da trattamento».
Tenuto conto della complessità del Sistema di allerta e del numero dei soggetti potenzialmente coinvolti, il Garante ha comunque dato misure volte a rafforzare la sicurezza dei dati delle persone che scaricheranno la app.
In particolare, l’Autorità ha chiesto che:
- gli utenti siano informati adeguatamente sul funzionamento dell’algoritmo di calcolo utilizzato per la valutazione del rischio di esposizione al contagio;
- i dati raccolti attraverso il Sistema non potranno essere trattati per finalità non previste dalla norma che istituisce l’app;
- dovrà anche essere garantita la trasparenza del trattamento dei dati raccolti;
- la conservazione degli indirizzi IP dei cellulari dovrà essere commisurata ai tempi strettamente necessari per il rilevamento di anomalie e di attacchi;
- dovranno essere adottate misure per “alleviare” i rischi derivanti da falsi positivi;
- infine, dovrà essere dedicata particolare attenzione all’informativa e al messaggio di allerta, posto che il Sistema può essere utilizzato anche da minori ultra quattordicenni.

 

Clicca qui per consultare la sezione dedicata al decreto Coronavirus