POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 06 aprile 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

privacy | 25 Febbraio 2020

Lotta critica ai Big Data per un'equa società data driven

di Deborah Bianchi - Avvocato

I Big Data creano un ecosistema economico difficilmente cristallizzabile a priori. Sconvolgono i principi fondanti della data protection. Abbattono il pluralismo informativo favorendo derive da regime di classificazione o di sorveglianza. I Big Data sono il carburante dell'Intelligenza Artificiale foriera delle Smart city, della robotica al servizio dell'uomo, dell'ambulanza condivisa, delle reti di salvataggio della Protezione Civile.

Le Linee Guida e indicazioni di policy sui Big Data elaborate dalle tre Authorities (Agcom, Agcm, Garante Privacy), giunte adesso alla loro versione finale dopo tre anni di intenso lavoro (2017-2020), costituiscono una lotta critica ai Big Data verso un'equa società data driven.
 

Al link sottostante è disponibile, per gli abbonati di Diritto e Giustizia, l'appronfondimento a firma dell'avv. Bianchi.