POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 29 febbraio 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

legge elettorale | 17 Gennaio 2020

Inammissibile il referendum elettorale perché il quesito è eccessivamente manipolativo

di La Redazione

La Corte Costituzionale, riunitasi ieri in camera di consiglio, ha dichiarato inammissibile la richiesta di referendum elettorale «Abolizione del metodo proporzionale nell’attribuzione dei seggi in collegi plurinominali nel sistema elettorale della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica», presentata da otto Consigli regionali.  

Il quesito referendario. La richiesta referendaria recava come oggetto le leggi elettorali di Senato e Camera con l’obiettivo di eliminare la quota proporzionale con la trasformazione del sistema elettorale interamente in un maggioritario a collegi uninominali. L’autoapplicatività della normativa di risulta, richiesta dalla costante giurisprudenza costituzionale come condizione di ammissibilità dei referendum in materia elettorale, era garantita dal fatto che il quesito investiva anche la delega di cui alla l. n. 51/2019 per la ridefinizione dei collegi in attuazione della riforma costituzionale che riduca il numero dei parlamentari.

 

Inammissibilità. Nel comunicato stampa diffuso dalla medesima Corte, in attesa del deposito della sentenza, si legge che «a conclusione della discussione la richiesta è stata dichiarata inammissibile per l’assorbente ragione dell’eccessiva manipolatività del quesito referendario nella parte che riguarda la delega al Governo, ovvero proprio nella parte che, secondo le intenzioni dei promotori, avrebbe consentito l’autoapplicatività della “normativa di risulta».