POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 16 luglio 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

privacy | 03 Luglio 2019

Big data: in arrivo le linee guida dai tre Garanti italiani

di La Redazione

Il Garante per la protezione dei dati personali, con comunicato stampa del 2 luglio annuncia la sua alleanza con l’AGCM e l’AGCOM sul fenomeno dei big data. L’indagine conoscitiva era stata avviata nel maggio 2017, pubblicate ora le linee guida.  

L’obiettivo comune è quello di garantire una politica efficace a livello pubblico per i big data e tutta l’economica digitale. La disponibilità dei dati, infatti, risulta sempre più rilevante per l’ottimizzazione di processi e decisioni, per l’innovazione e il corretto funzionamento dei mercati.
Il contributo di ciascuna Autorità alle altre è prezioso proprio per la scelta della migliore strumentazione per fronteggiare criticità che possono sorgere tra le diverse competenze.

 

Alcuni contenuti delle linee guida. Dopo numerosi audizioni svolte dalle tre Autorità dei principali operatori dell’economia dei dati, delle telecomunicazioni, dei settori finanziari e dell’economia, è stato pubblicato un documento finale che il Garante Privacy renderà disponibile a breve, vengono anticipate le principali linee guida di cooperazione sul tema.
Tra le principali novità, si chiede al Governo e al Parlamento di interrogarsi sulla necessità di promuovere un idoneo quadro normativo che affronti la questione della effettiva trasparenza nell’uso delle informazioni personali; rafforzare la cooperazione internazionale sul disegno della policy per il governo dei big data; promuovere una policy unica e trasparente, riducendo le varie asimmetrie informative tra utenti e operatori digitali; perseguire lo scopo di tutela del benessere del consumatore; rafforzare i poteri di acquisizione delle informazioni da parte delle Autorità ed infine istituire un “coordinamento permanente” tra i tre Garanti.